Per la salute delle nostre ossa

Il nostro scheletro e’ molto di più di una impalcatura del nostro corpo: è un organismo vitale e contribuisce nel bene e nel male al suo equilibrio biologico.

Non va quindi trascurato ,come spesso invece avviene: ci si interessa delle ossa solo quando si rompono o quando ci fanno male. Per una buona salute delle nostre ossa è necessario pensarci fin dalla giovane età: in questo modo ci garantiremo una terza età senza acciacchi e continui dolori o addirittura inabilità.

Il nostro scheletro e’ molto di più di una impalcatura del nostro corpo: è un organismo vitale e contribuisce nel bene e nel male al suo equilibrio biologico.

Non va quindi trascurato ,come spesso invece avviene: ci si interessa delle ossa solo quando si rompono o quando ci fanno male. Per una buona salute delle nostre ossa è necessario pensarci fin dalla giovane età: in questo modo ci garantiremo una terza età senza acciacchi e continui dolori o addirittura inabilità.

La decalcificazione ossea, l’osteoporosi, può essere prevenuta anche attraverso l’alimentazione: certamente i fattori più importanti che regolano il metabolismo osseo sono di natura genetica e ormonale, ma almeno la nutrizione dipende da noi: un’alimentazione ricca di calcio in età giovanile consente di arrivare a un buon “picco osseo”, cioè il più alto livello possibile di densità ossea.

Anche l’attità fisica ha un ottimo potere di favorire il deposito di calcio nelle ossa, soprattutto se effettuata all’aria aperta: infatti l’esposizione ai raggi solari favorisce l’assorbimento della vitamina D a livello intestinale.

L’elemento più importante, a questo proposito,è certamente il calcio. Questo elemento non serve solo per lo scheletro ma: consente un regolare battito cardiaco; favorisce la coaugulazione del sangue; permette ai muscoli di rilassarsi e di contrarsi; consente la trasmissione dei messaggi attraverso i nervi.

Lo scheletro è la nostra banca del calcio, alla quale l’organismo attinge in caso di fabbisogno aumentato, per esempio in gravidanza o durante l’allattamento. Le fonti migliori sono il latte e i latticini. Da preferire i prodotti a base di latte parzialmente scremato per non aumentare la quota di grassi animali.

Teniamo presente che una tazza di latte scremato contiene 300 mg di calcio, il latte intero solo 290 mg.!

Anche i gamberetti e le acciughe sono ottime fonti di calcio, ma evidentemente non possono essre la fonte primaria, almeno di trasformarci in eschimesi. Attenzione anche alla mania delle acque troppo leggere: sono povere di tutti i minerali, quindi anche di calcio.

Va aggiunto che purtroppo l’acqua dei nostri rubinetti contiene calcio in forma difficilmente assimilabile dall’organismo.

E’ utile quindi consumare ogni giorno 2-3 spuntini ricchi di calcio, uno yogurt, una tazza di latte, un pezzetto di grana, ecc.

Una ricetta molto efficace è questa: comprate un po’ di pesce di scoglio di piccolo taglio, la cosiddetta “frittura di paranza”; fatelo andare in pentola a pressione con un po’ di aromi e poca acqua per alcuni minuti, fino a farlo letteralmente spappolare, poi fate passare il tutto dallo schiacciapatate tutto intero: la crema così ottenuta è ricchissima di calcio, contenendo lische, squame e tutto, pochi cucchiaini al giorno consumati come si vuole garantiscono un fabbisogno ottimo di calcio. Oltretutto è molto buona.

Ma il benessere dello scheletro passa anche dalla cura della postura e dalla correzione dei difetti:una buona valutazione posturale e successivi trattamenti di stretching passivo come per esempio la pancafit o il deep massage, effettuabili da specialisti in centri particolari come il Livingstone Center, sono sicuramente un toccasana per le nostre povere ossa e le giunture ed eliminano qualsiasi dolore donando benessere e gioia di vivere. Se poi completiamo il tutto con l’assunzione di integratori specifici non ci rimane altro da fare che metterci a fare attività fisica e le nostre ossa saranno sane come…lische di pesce.

Buona salute

Dott.Marco Baroni
Direttore Livingstone Center Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *